Mobile Menu

Domande e risposte sul commercio con le opzioni binarie

Come apro un conto per il trading?

Aprire un conto presso un broker per opzioni binarie è molto semplice. Basta registrarsi con i propri dati sulla pagina del broker e richiedere un nuovo conto. Per poi cominciare a operare, è necessario depositare del denaro sul proprio conto, tramite uno dei vari metodi proposti dal broker stesso.

Quando si avrà realizzato dei guadagni sarà possibile trasferirli sul proprio conto bancario. Per farlo però occorrerà fornire al broker alcuni documenti, con cui dimostrare che si tratta effettivamente del proprio conto. In questo vedo verrà garantita la sicurezza del proprio capitale.

Esistono dei conti dimostrativi?

La domanda a questa risposta dipende dal broker che si sceglie. Alcuni broker pubblicizzano apertamente la presenza di un conto dimostrativo, mentre per altri la scelta varia di caso in caso. In ogni caso è utile informarsi tramite il servizio di assistenza clienti, soprattutto se la presenza o meno di un conto dimostrativo risultasse critica per la propria decisione.

Quali tipi di opzioni esistono sul mercato?

La variante più semplice è costituita dalle classiche opzioni binarie, attraverso cui l’investitore tenta di indovinare se l’andamento del bene sotteso sarà in crescita o in calo, mentre l’ammontare dell’oscillazione non ha alcuna rilevanza. Questo tipo di opzione è disponibile presso qualunque broker, ma possono variare i tempi di scadenza e il prezzo minimo per l’acquisto dell’opzione.

Inoltre, esistono altri tipi di opzioni che non vengono offerte da tutti i broker. Un esempio sono le opzioni One Touch, che richiedono di prevedere se il bene sotteso supererà o meno un determinato valore entro lo scadere dell’opzione. Le opzioni Range – dette anche Boundary – costituiscono un’ulteriore possibilità: in questo caso l’investitore deve indovinare se l’andamento del bene rimarrà entro un certo intervallo fino allo scadere dell’opzione.

È necessario pagare le tasse sulle proprie vincite?

In Italia la legge prevede che tutte le vincite realizzate con il commercio di prodotti finanziari vadano riferite alla tassazione del capitale. Ciò significa che l’investitore dovrà dichiarare i guadagni effettuati con le opzioni binarie nella propria dichiarazione dei redditi e tassarli conseguentemente.

La maggior parte dei broker per opzioni binarie ha sede a Cipro o in altri paesi stranieri. Tali broker non sono sottoposti all’obbligo di prelevare la tassa sul capitale dalle vincite prima del pagamento, né devono riferire alcunché al Ministero delle Finanze, come invece nel caso delle banche italiane. In questo modo è possibile fare il conto di guadagni e perdite alla fine dell’anno, e dichiarare il risultato che si ottiene per la tassazione.

Su quali mercati è possibile commerciare con le opzioni binarie?

Le opzioni binarie si basano sempre su un bene preciso, di cui l’acquirente deve tentare di indovinare l’andamento. A quale categoria appartenga il bene in questione non ha alcuna importanza. Di norma i broker dispongono di una vasta gamma di beni tra cui scegliere, tra cui si contano spesso azioni, indici di borsa, valute e materie prime.

Quanto varia sia la scelta dei diversi beni di base dipende esclusivamente dal broker in questione. Il vantaggio di una vasta scelta consiste soprattutto nel fatto di poter usufruire di una più duratura apertura dei mercati. Chi si specializzasse in azioni può passare dal commerciare con i mercati europei durante il giorno, per poi passare ai beni indicizzati nella borsa americana, la quale aprirà successivamente per via del fuso orario.

A quali segnali si deve prestare attenzione nel trading?

Per rispondere a questa domanda si dovrebbe andare a leggere interi libri. In generale nel caso del commercio con opzioni binarie si tratta di uno strumento molto recente, per il quale risulta essere di grande importanza un’analisi tecnica che si soffermi sulla relazione tra l’andamento dei beni e alcuni segnali ben precisi.

Rientrano tra questi segnali, ad esempio, quelli cosiddetti di barriera e di accelerazione, entro cui l’andamento del bene spesso si muove. Tuttavia può anche accadere che un movimento improvviso determini una tendenza che può interessare le opzioni binarie. Si tratta solo delle nozioni di base: gli investitori interessati a operare con le opzioni binarie farebbero bene a familiarizzare preventivamente con le analisi tecniche e con le diverse strategie.

È possibile operare con le opzioni binarie presso eToro?

Molti investitori ancora privi di esperienza con le opzioni binarie non sanno bene dove potrebbero applicare questo strumento finanziario. Viene spesso ritenuto che queste opzioni possano essere trattate presso lo stesso broker con cui si commerciava nel Forex o con i CFD.

Salvo rare eccezioni, il commercio con opzioni binarie è possibile solo tramite broker specializzati. Al momento, eToro e altri broker del Forex non propongono nella loro offerta le opzioni binarie.